luglio 08, 2021 - Scania

Scania pubblica la valutazione del ciclo di vita dei veicoli elettrici a batteria

In qualità di primo costruttore di veicoli nel settore dei mezzi pesanti, #scania ha pubblicato una valutazione del ciclo di vita (LCA) dei veicoli per la distribuzione. Dall’LCA emerge che l'impatto ambientale dei mezzi elettrici a batteria è significativamente inferiore a quello di un veicolo con motore a combustione interna.

Il Life Cycle Assessment è uno metodo di valutazione definito dallo standard ISO 14040/44 per calcolare gli impatti ambientali dei prodotti e prende in considerazione l'intero ciclo di vita, partendo dall'estrazione e raffinazione delle materie prime e concludendo con il recupero, in questo caso, dei veicoli.

Mentre nel settore del trasporto cresce il numero di veicoli elettrici a batteria, dobbiamo chiederci se questi siano davvero sostenibili dal punto di vista ambientale quando prendiamo in considerazione l'intero ciclo di vita. L'impatto generato non deriva dalle emissioni allo scarico, per questo motivo l'industria deve ripensare a cosa si intende per impatto ambientale. Con questo studio, abbiamo delle risposte chiare", afferma Andreas Follér, Head of Sustainability di #scania.

La produzione del veicolo elettrico a batteria comporta un maggiore impatto ambientale, soprattutto a causa della realizzazione delle celle batteria, attività altamente energivora. Nonostante questo, l'impatto del ciclo di vita totale sui cambiamenti climatici è notevolmente migliore per i veicoli elettrici a batteria, grazie alle emissioni di carbonio di molto inferiori nella fase di utilizzo.

Per i veicoli che operano nell'UE, riduciamo le emissioni di carbonio del ciclo di vita dal 38% (mix UE 2016) al 63% (mix UE previsto 2030). Se passiamo all'elettricità verde, raggiungiamo una riduzione delle emissioni di carbonio durante il ciclo di vita dell'86%. Il veicolo elettrico a batteria ha il potenziale per avere un impatto climatico minore rispetto a quello con motore a combustione interna già entro uno o due anni di funzionamento. Questo copre tutti i mix di elettricità esaminati nel rapporto.

Le celle della batteria rappresentano poco più del 40% delle emissioni di carbonio derivanti dalla produzione di veicoli elettrici a batteria. Esiste tuttavia un grande potenziale per migliorare i livelli di emissione poiché l'industria delle batterie è in continuo miglioramento per quanto concerne la decarbonizzazione e l'utilizzo di elettricità verde aumenta costantemente.

Ci aspettiamo che il costo totale di esercizio dei veicoli elettrici a batteria sia positivo per la maggior parte dei nostri clienti durante questo decennio, così che metà dei nostri volumi possano avere una trasmissione elettrica entro il 2030. La corsa verso le emissioni zero riguarderà la decarbonizzazione dei processi e materiali necessari per assemblare i veicoli industriali e gli autobus del futuro", afferma Follér.

La collaborazione è fondamentale per realizzare le riduzioni di carbonio necessarie per raggiungere gli obiettivi su cui #scania si è impegnata, certificati da Science Based Targets. Ad esempio, la partnership con Northvolt che mira a produrre la batteria più ecologica del mondo. L’approvvigionamento di acciaio è un altro importante argomento quando si parla dell’impronta ecologica, a causa della forte dipendenza dai combustibili fossili nella fase di produzione. La partnership con H2 #green Steel mira a risolvere questo problema e pone #scania nella direzione della produzione di un veicolo ad impatto zero, che l'azienda mira a consegnare nel 2030.

Informazioni sulla valutazione del ciclo di vita di #scania:

Il Life Cycle Assessment è uno metodo di valutazione definito dallo standard ISO 14040/44 per calcolare gli impatti ambientali di prodotti o servizi durante il loro intero ciclo di vita: in questo caso la produzione, l'uso, la manutenzione e il recupero del veicolo e della batteria.

LCA in #scania viene utilizzato per valutare gli impatti ambientali del prodotto e definire obiettivi di progetto interni nello sviluppo.

L'unità funzionale utilizzata in questo studio è: un autocarro utilizzato per 500.000 km in un tipico ciclo di distribuzione con un carico utile medio di 6,1 tonnellate ed è scelta con l'obiettivo di riflettere e rappresentare una vita operativa completa del veicolo.

News correlate

luglio 27, 2021
luglio 22, 2021
luglio 02, 2021

• Flixbus, in collaborazione con #scania e con il fornitore di gas Gasum, introduce nella propria flotta il primo veicolo per tra...

Riprende il #radionorbacornettobattitilive, lo show nato nel cuore del Sud Italia. Un evento di primaria importanza che ha deciso...

Con l’obiettivo di offrire ai propri clienti tutte le informazioni per consentire la migliore decisione di acquisto, #scania annun...

Ti potrebbe interessare anche

giugno 11, 2021
giugno 07, 2021
giugno 01, 2021

Per il quinto anno consecutivo #scania ha vinto l'ambito #premio tedesco “Green Truck”. La prestigiosa competizione, organizzata d...

Visa S.p.A., azienda leader nel settore dei gruppi elettrogeni, ha scelto #scania e, in particolare i nuovi motori Stage V, per da...

Scania Italia per il secondo anno consecutivo conferma il proprio supporto al Corso di Laurea Magistrale in #mobility Engineering ...

Non perdetevi la prossima puntata di Next To The Truckers
sabato 25 settembre 23.30
Forbes (BFC Media), canali: 511 Sky, 260 Digitale Terrestre e 61 di Tivùsat